logo Bari International Gender film festival

Bari International Gender film festival

Festival del cinema LGBTQI e delle diversità di genere della città di Bari

© Copyright by BIGff | Powered by LinkPositive | All rights reserved

PERFORMANCES

PERFORMANCES

Martedì 24 Settembre, ore 19.30, Fortino Sant’Antonio

Terrazza via Venezia

1 , coreografia e performance di Siro Guglielmi.

Siro Guglielmi

Musica: Kaitlyn Aurelia Smith, Cristiano de Palo, Jay R Neutron. Produzione ZEBRA\ Coproduzione Bassano Opera Estate Festival. Con il supporto residenziale di CSC Bassano del Grappa, Istituto Italiano di cultura di Madrid, Teatros del Canal Madrid, Sementerie Artistiche rete h(abita)t.

1 rappresenta il singolo ma anche il principio di tutti gli altri numeri e quindi della molteplicità. È  l’esplorazione di un corpo nel tentativo di definire un’identità e creare una dimensione personale nel riflesso condizionato di chi ci guarda, un viaggio all’interno di sé che lascia emergere differenti tipi di corporalità e che stimola la liberazione di un modo di essere-divenire, uno e molteplice.

Matteo Marchesi

ore 21.0

Fortino Sant’Antonio,

Sotterraneo, Lungomare Imperatore

Bob. coreografia e danza di Matteo Marchesi.

Drammaturgia Lucio Guarinoni. Musiche Tommaso Esposito. Costumi Elena Rossi. Coproduzione Zebra Cultural Zoo e Festival Danza Estate con il sostegno di Qui e Ora residenza teatrale- Arcene, centro per la Scena Contemporanea-Arcene, Bassano del Grappa, ArtBo– Bologna, Residenza C32- Forte Marghera. Bob è  un essere che vive al buio, instabile come tutto ciò che lo abita, e che apprende come muoversi come se fosse appena nata. Scopre del suo peso, dei suoi peli, di quanto si può fare piccola e grande. Ed è un gioco. Si disarticola, si crea e si ricrea avvicinandosi alla soglia. A volte maschio, a volte femmina, a volte entrambi o nessuno. Scopre la bocca, mangia, mastica, ha fame.

Mercoledì 25 Settembre e Giovedì 26 Settembre ore 20.00, AncheCinema

The beauty of ReveRso di M. Brent Adam (Germania, 2018), 10′ con live performance

ReveRso emerse dall’oscurità. Il mito della creazione di un megalomane infastidito dal suo stesso veleno: un cannibale feticista di sé stesso  legato all’amore, alla perdita, alla seduzione, alla salvezza, alla follia, alla profezia e al dolore. Attualmente a Berlino, ReveRso ha massacrato folle su palcoscenici (e nei vicoli) dall’Europa all’America e viceversa: Berlino, Amsterdam, Mosca, Istanbul, Anversa, Parigi, Barcellona, ​​Madrid, Copenaghen, Varsavia, Francoforte, San Francisco, Los Angeles, New York, Colonia, Londra. ReveRso è anche Sommo Sacerdote del leggendario SupperClub di Amsterdam come Resident Performer di lungo termine, profanando le sue pareti bianche con i suoi piaceri carnali. ReveRso deve divorare il pubblico per sentire la luce, il suo rito di purificazione avviene attraverso le ombre. Per poi pentirsi con il nome di nessun altro se non R ReveRso.

Sabato 28 Settembre, ore 21.00, Spazio Murat

Gentle Unicorn Performance di/con Chiara Bersani

In collaborazione con Teatro Pubblico Pugliese.

“Io, Chiara Bersani, alta 98 cm, mi autoproclamo carne, muscoli e ossa dell’Unicorno. Non conoscendo il suo cuore proverò a dargli il mio, il respiro, miei gli occhi. Di lui raccoglierò l’immagine, ne farò un costume destinato a diventare prima armatura poi pelle.”

Ideazione, Creazione e Azione Chiara Bersani

Musiche Fran De Isabella; Luce Valeria Foti; Direttore Tecnico Paolo Tizianel; Consulenza Drammaturgica Luca Poncetta, Gaia Clotilde Clotilde Chernetich; Coach Marta Ciappina; Mentoring Alessandro Sciarroni; Occhio Esterno Marco D’Agostin; Organizzatrice di Produzione Eleonora Cavallo; Cura e Promozione Giulia Traversi; Consulenza Amministrativa Chiara Fava; photo Roberta Segata; courtesy Centrale Fies; produzione Associazione Culturale Corpoceleste_C.C.00#; co-produzione Santarcangelo Festival, CSC – Centro per la Scena Contemporanea (Bassano del Grappa); creazione realizzata presso le residenze artistiche Centrale FIES (Dro, Trento), Graner (Barcellona), Carrozzerie | N.o.T. (Roma); con il Sostegno di Kilowatt Festival e Bando Siae Sillumina 2018.

ore 23.00, Spazio Murat

Testing CLUB Unisono Foto Michela Depretis

Performance in residence: Testing CLUB Unisono di Daniele Ninarello Danzatore/Coreografo e “special guest”.

Daniele Ninarello – immagine di repertorio

Club Unisono si ispira alle dinamiche queer fondandosi sulla volontà di abbattere l’idea di confine e promuovendo una continua condivisione. Club Unisono è un luogo inclusivo, dove non esistono etichette e definizioni di genere e dove tutti sono invitati a spogliarsi dei pregiudizi, riportando il corpo a riflettere sul ballo come elemento di condivisione, scambio e contagio elementi di una identità liquida in continua trasformazione. Club Unisono è luogo per scambisti del movimento, una sorta di rituale collettivo regolato da una continua vicinanza e alleanza tra i corpi.

Daniele Ninarello, dopo aver frequentato la Rotterdam Dance Academy danza con svariati coreografi internazionali: Bruno Listopad, Barbara Altissimo, Meekers Uitgesprokendans, Virgilio Sieni. Dal 2007 porta avanti una propria ricerca coreografica e di movimento e presenta le sue creazioni Coded’uomo, Man Size, Non(leg)azioni, God Bless You, Bianconido, Kudoku e STILL in diversi festival in Italia e all’estero. http://www.danieleninarello.it/



);